Il Vetro Colorato di                         Louis   Confort   Tiffany      ( 1848-1933 )      U.S.A    

 

Questa materia  ( Vetro Colorato prodotto in piccole lastre, ancor oggi,)  altro non è che la paziente e tenace ricerca, durata alcuni Decenni   che il Sig. Tiffany  , verso la fine del  1800 è riuscito a creare e realizzare, e produrre,    in unica cottura,  con all’interno più colori e minerali, per dare effetti di rara bellezza, di Cromaticità/Iridescenze/Opalescenze/ Trasparenze/Lucentezza/Riflessi, eccezionali, per quel tempo.

A conferma di quanto sopra indicato, lo testimoniano i capolavori che a lasciato in eredita a  di tutti noi.

Se pensiamo che prima di  Lui , per creare qualsiasi effetto di colore nel vetro, per ogni colore o sfumaturache si voleva ottenere , il Vetro doveva andare in fornace  per molte molte ore,  era molto probabile, che nei vari passaggi,  impurità, temperature errate, minerali impuri, o altro, ne provocassero la rottura,

Non era semplice  per  quei  tempi  Controllare temperature di 1200/1500 gradi, con le conoscenze a disposizione in quel momento, ma l’utilizzazione del GAS, in sostituzione del Legno, a rese possibile controllare sia le temperature sia la tempistica necessaria.

Dalla ricerca e innovazione, a reso possibile realizzare Vetro per- Lampade e Oggettistica –  d’insuperabile bellezza fino allora impossibile per qualità e stabilità tecnica.

Prima di ciò ,Il vetro  veniva usato  esclusivamente per creare oggetti   lineari come vetrate (“Istoriate” ) era principalmente chiaro e trasparente, con eccezione del Giallino e Azzurro. I vari pezzi (tessere) di vetro venivano poi inseriti in binari/profili  a forma di U o H e poi saldati assieme.    Sistema  ancor oggi usato,  ma solamente per realizzare vetrate e altro, ma sempre oggetti in piano.

< ————————————————>

Ancor oggi , attraverso  quanto  appreso,  i  valenti “ MASTRI  VETRAI”   in  U.S. A.  ( come i nostri Maestri di Murano )                proseguono la produzione,  tramandandosi , i segreti  di generazione in generazione.